Quante volte prima di un viaggio in moto, nel corso dei preparativi, abbiamo la sensazione di dimenticare qualcosa?

Ogni viaggio, lontano o vicino che sia richiede che tutto sia organizzato alla perfezione, al fine di evitare situazioni inconvenienti in luoghi sconosciuti e lontani da casa.

Per prima cosa la moto, che deve essere pronta e attrezzata per tutti o quasi gli inconvenienti.

Prima di partire una delle cose fondamentali è controllare il livello dell’olio, e, nel caso la moto necessiti di rabbocchi o miscela portarsi dell’olio in una bottiglietta di plastica è obbligatorio.

Una volta fatto, proseguiamo con la lista delle cose necessarie:

  • Kit ripara gomme, con bombolette per riportare a pressione lo pneumatico riparato.

  • Lampadine di ricambio, una anteriore e una posteriore, rimanere di notte senza luci non deve essere piacevole.

  • Fusibili, possono sempre servire, soprattutto se la moto è datata.

  • Candela/e di ricambio.

  • Attrezzi vari, cacciaviti a stella e taglio, pinze, brugole varie e le chiavi inglesi necessarie sulla vostra moto, insieme alla chiave per le candele.

  • Fascette in plastica e nastro isolante da elettricista, questi tornano sempre utili.

  • Cavi frizione e acceleratore, nel caso la vostra moto abbia i meccanismi meccanici.

  • Kit pronto soccorso

  • Navigatore

  • Borse, valige da moto o zaino per riporre attrezzi e indumenti.

In secondo luogo le cose utili per noi:

Se andiamo all estero dobbiamo preventivamente informarci sulle leggi del paese, spesso queste ultime sono diverse dalle italiane.

  • Abbigliamento tecnico adatto alle condizioni atmosferiche del viaggio, casco, giubbotto con protezioni spalle gomiti e schiena, pantaloni con protezioni e guanti.

  • Giubotto o pettorina catarifrangente, potrebbe essere obbligatoria nel paese estero.

  • Antipioggia, utile nel caso di

    precipitazioni atmosferiche.

  • Permesso internazionale di guida, necessario per guidare in quei paesi che non siano firmatari delle medesime Convenzioni internazionali ratificate dall’Italia, rilasciato dall’Ufficio Provinciale della Direzione Generale della Motorizzazione Civile del luogo di residenza del richiedente (link ACI)

  • La delega a condurre, quando si va all’estero guidando un veicolo di cui non si è proprietari, è consigliabile avere una delega a condurre del proprietario con firma autenticata (fac-simile delega), solo nei paesi extra EU, la delega deve essere autenticata da un notaio.

  • Power bank, per ricaricare telefono in emergenza nel caso in cui la moto non abbia la presa USB per la ricarica.

  • Caricatori vari, telefono e altri dispositivi elettronici.

  • Indumenti solo strettamente necessari e non eccessivi, mutande, calzini, magliette, pantaloni.

Se hai qualche considerazione da aggiungere, scrivici nei commenti!

Scritto da Daniele Vacca

Raccontaci la storia di un tuo viaggio, scrivici alla mail: gestione@motoreview.net

Motoreview.net